Pianese, Marco Masi: “Ci è mancata la cattiveria negli ultimi 30 metri”

03.02.2020 10:00 di Fabrizio Pozzi Twitter:    Vedi letture
Marco Masi
© foto di Prospero Scolpini/TuttoLegaPro.com
Marco Masi

Nonostante le molte assenze la Pianese si è espressa bene al ‘Moccagatta’ di Alessandria, da dove esce con un risultato a reti bianche che non premia gli sforzi operati dai bianconeri (leggi anche Alessandria-Pianese 0-0, pareggio incolore e deludente per i grigi). Al termine del match, in conferenza stampa, il tecnico dei toscani Marco Masi ha commentato così.

Questa squadra, in sei partite, ne ha persa una sola. È vero che abbiamo perso quella con la Giana che non dovevamo perdere, ma abbiamo sempre cercato di giocare alla pari con tutti. Chiaramente abbiamo qualche carenza, siamo una neopromossa ed anche oggi abbiamo giocato con cinque giovani. Dovremmo essere un po’ più consapevoli delle nostre potenzialità e della nostra dimensione. Noi dobbiamo salvarci all’ultimo minuto dell’ultima giornata, se ci va bene. Se rimaniamo concentrati su quello possiamo fare buona figura, come abbiamo fatto oggi. Se pensiamo ad altro ci perdiamo. Recriminazioni? Dobbiamo acquisire più cattiveria negli ultimi trenta metri, cosa che ci trasciniamo da tempo. Non so se è dovuto al salto di categoria, ma lì siamo poco determinati, e non solo con gli attaccanti. Ma per il resto abbiamo sempre cercato di fare la partita, come abbiamo fatto oggi ad Alessandria, su campi altrettanto importanti come Carrara, Arezzo o Renate. Le assenze? Ci è mancato la nostra prima punta, Udoh, che è quello che ci dà più fisicità e profondità, che oggi ci è mancato. Abbiamo fatto di necessità virù e quelli che hanno giocato oggi lo hanno fatto bene. Abbiamo giocato da squadra, non possiamo prescindere da questo. Venendo dalla brutta esperienza di domenica scorsa negli ultimi minuti abbiamo temuto un po’, soprattutto sulle palle inattive”.