Juventus, Mauro Zironelli: “Vittoria che ci farà affrontare la sosta con serenità”

31.12.2018 12:00 di Fabrizio Pozzi Twitter:   articolo letto 18 volte
Mauro Zironelli
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Mauro Zironelli

Termina con una vittoria l’anno per la Juventus U23 che si impone per 1-0, in trasferta, ad Alessandria contro i grigi. Mauro Zironelli, tecnico bianconero, in conferenza stampa si mostra tanto soddisfatto quanto realista.

La vittoria ci permette di affrontare la sosta con serenità. Ci siamo messi in condizione di portare a casa la partita e siamo stati bravi a rimanere sul pezzo. L’Alessandria ha avuto una reazione nel secondo tempo, durante il quale abbiamo perso campo, però mettendo la terza punta siamo riusciti a tenerli più lontani e rischiare meno. Anche se Del Favero ha fatto una grandissima parata ed il colpo di testa di Santini è uscito di poco. Noi abbiamo giocato bene nel primo tempo, ci siamo costruiti il gol duettando con i due attaccanti ed altre opportunità con Olivieri e con Morelli. E poi, quando l’Alessandria stava tentando il tutto per tutto, abbiamo sbagliato solo l’ultimo passaggio”.

La crescita della squadra è evidente. “Ci abbiamo messo aggressività e furbizia rispetto al passato, abbiamo chiuso bene il campo. Si sperava di no, ma abbiamo faticato nei primi tre mesi. Ora abbiamo cambiato marcia per quanto riguarda l’intensità e la mentalità. Del resto non da tutti i ragazzi si poteva pretendere facessero molte partite, diversi arrivavano da periodi di inattività ma ora ci sono 8-9 elementi che hanno preso il ritmo e sono contento di questo”.

Il tecnico non vuole farsi distrarre dal mercato. “Io devo pensare ad allenare, la società se lo riterrà necessario farà i suoi interventi. Io sono contento di lavorare su questo gruppo per migliorarlo. Questa vittoria è stata importante ma per ora non abbiamo fatto ancora nulla”.

Resta il problema degli infortunati. “Spero di recuperarne molti. Anche Bunino ha fatto un solo allenamento, poi eravamo senza Pereira, Andersson , Alcibiade. Gli infortunati mi sono mancati parecchio, senza contare che Parodi e Fernandes saranno fuori praticamente fino alla fine”.

Zironelli ha poi tracciato una sorta di bilancio del suo 2018. “È stato un anno travagliato, sapevo che il Mestre non avrebbe iscritto la squadra. E, a distanza di tempo, posso dire che il mio ex presidente se non se la sentiva ha fatto benissimo visto quello che succede da altre parti. Ha preferito fare due passi indietro ripartendo dall’Eccellenza ed stato corretto con me e tutti i giocatori. Poi ho avuto la possibilità di andare a Bari, ma è durata una settimana. È stato un anno durò e cercherò di godermi questi sette giorni di vacanza dei quali ho davvero bisogno”.

Il campionato non è facile i ragazzi si trovano a confrontarsi con giocatori più vecchi anche di 10-12 anni. Ma stiamo costruendo qualcosa di positivo che permetterà a questi ragazzi di essere più fortunati rispetto ai loro coetanei che devono crescere andando fuori a differenza di loro che lo possono fare nella Juve – ha riflettuto in conclusione Zironelli – e siamo anche contenti perché ci sono giocatori che sono già richieste da squadre di categoria superiore”.