Arezzo ai raggi X

08.02.2018 12:10 di Federico Capra Twitter:   articolo letto 70 volte
Arezzo ai raggi X

Da contendente alla B per buona parte della passata stagione, a squadra con gravi problemi finanziari e di classifica. È la triste storia dell'Arezzo, confinato nel limbo del 13esimo posto in attesa di una svolta - in bene o in male - societaria. Con questo umore i toscani ospiteranno in casa l'Alessandria prossima avversaria della 25esima giornata di campionato. 

All'andata era finita 0-1 per l'Arezzo, corsaro al Moccagatta. A castigare la squadra all'epoca guidata da Stellini fu Di Nardo, il giovane attaccante in prestito dalla Sampdoria. Ma quella che Moscardelli è compagni si troveranno davanti domenica non è più la stessa squadra affrontata il primo ottobre. Tanto negli uomini, quanto nel gioco.

Dal canto loro i toscani continuano a vivere di alti e bassi. Passando dalla vittoria netta per 4-2 contro la Giana Erminio, al ko contro il Piacenza. Una montagna russa su cui i giocatori di Bellucci prima e Pavanello poi sono saliti a inizio stagione senza mai scendervi. A dirlo è la classifica che vede gli aretini 13esimi con 27 punti all'attivo rispetto ai 31 dei grigi. Un risultato frutto otto gare vinte ma anche sei pareggi e ben nove sconfitte.

Nonostante questo andirivieni di risultati, l'Arezzo ha un attacco pericoloso con 30 gol all'attivo (uno in meno dell'Alessandria) e 27 subiti (uno in più dei grigi). Numeri che sulla carta sembrano in un qualche modo mettere sullo stesso piano le due formazioni ma che nella realtà, colpa anche di una classifica estremamente corta, le separano di ben cinque posizioni.

Bomber indiscusso degli aretini è l'inossidabile Moscardelli con 11 gol all'attivo e due assist. Segue poi Cutolo con 5 reti segnate, l'ultima nell'1-1 di domenica scorsa nel derby con la Lucchese. Il modulo pensato da mister Pavanello è invece il 3-5-2 con i due esterni di centrocampo che in realtà sono terzini pronti a trasformare una linea a cinque la difesa nei momenti di non possesso palla.