Il Progetto non quadra

27.11.2018 20:30 di Il Fuccio  articolo letto 532 volte
D'Agostino e Di Masi
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
D'Agostino e Di Masi

Nel desolante panorama di un Moccagatta oramai “ritornato” per pochi intimi (361 paganti credo sia il minimo storico dell’era Di Masi) l’Alessandria subisce per la quarta volta in stagione, terza fra le mura amiche, tre pappine e vede pericolosamente vicina la zona playout.
Non ci siamo caro Presidente, non ci siamo.
Ho provato a capire in questi mesi il suo Progetto, dopo le annate scorse spese a spendere milioni di euro per ottenere il nulla o quasi.
L’epurazione di tutti gli eroi rimasti a libro paga del “miracoloso” girone di ritorno 2016/17 andava fatta, senza dubbio, ma l’allestimento di questa Rosa meritava qualcosa di piu.
Continuo a pensare che non sia tutto da buttare (a tal proposito mi chiedo come il Mister possa tener fuori Sartore e De Luca in casa contro il Cuneo), qualche giocatore di categoria esiste in Rosa, ma 1 punto in 4 partite erode il morale e la classifica, con Piacenza, Arezzo e Novara alle porte.

Caro Presidente, domenica avrei voluto vederla scendere a fine partita sotto la Nord, davanti a quei 361 eroi che hanno popolato il Mokka per veder il Sambodromo dei tifosi cuneesi far festa.
Invece niente, come a Foggia nel 2016, come  a Como, Cremona o Arezzo nel 2017, il mio rammarico e’ questo... notare la sua assenza nei momenti difficili per Noi Tifosi, quando dobbiamo vedere le tifoserie piu disparate fare festa.
Non servono le conferenze stampa per accusare i giornalisti di non aver fatto comprendere il suo Progetto perchè questo Progetto ha tanti, troppi difetti, in special modo dopo 4 anni da Sceicco.
Meritiamo sincerità Presidente, su prospettive, sul presente e sul futuro.
Tutto qui.