La reazione c’è stata. Ma sabato ci sarà l’ennesima prova del nove…

16.11.2020 08:30 di Fabrizio Pozzi Twitter:    Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
La reazione c’è stata. Ma sabato ci sarà l’ennesima prova del nove…

La reazione c’è stata, e questa è la cosa più importante. L’Alessandria, ancora una volta costretta ad un cambio forzato nella parte iniziale della gara, è riuscita a far apparire più innocuo del previsto un avversario comunque imbottito di giovani e privo di idee già di suo.

Nonostante qualche rischio gratuito, vedi l’occasione di Gonzi nel finale di prima frazione propiziata da un errato rinvio del rientrante Cosenza, Pisseri è stato bravo ed attento a mantenere inviolata la propria porta. Fattore che, non dimentichiamolo, si rivela sempre determinante per le squadre che ambiscono a vincere i campionati.

Protagonista del confronto è stato Arrighini, artefice di una doppietta d’autore, il quale è sì stato ben assistito dai compagni – degni di nota sia l’assist di Casarini nel primo tempo, che il pregevole cross di Rubin nella ripresa – ma si è mostrato particolarmente determinato in zona gol. In pratica quello che era mancato non più tardi di mercoledì scorso a Gorgonzola con l’Albinoleffe.

Di Quinzio, inoltre, si è confermato in ottima forma. E questa è una buona notizia per mister Gregucci, che pare essere riuscito a ritagliargli la posizione ottimale in campo. Del resto è più che giusto, oltre che logico, provare a mettere i giocatori nelle migliori condizioni per esprimersi.

Rivedibile, invece, la prestazione di Cosenza, il quale ha ereditato la fascia da capitano da Gazzi. Il difensore non è sembrato al meglio, sia dal punto di vista fisico che mentale. Evidentemente anche il mister Gregucci, che non lo aveva più schierato, aveva ben compreso la situazione. Ma ora, contando anche l’infortunio di Prestia – la cui entità è da verificare – sarà necessario fare di necessità virtù.

Sabato prossimo, quando faranno visita ad un Renate capolista, manco a dirlo i grigi sono attesi all’ennesima prova del nove. Le pantere nerazzurre sono reduci dal successo di Novara – a proposito… la ‘cura Marcolini’ non ha ancora sortito gli effetti sperati in casa azzurra – e comandano una classifica che, comunque, resta da decifrare visti i molti recuperi in programma nelle prossime settimane. Da qui a Natale, invece, l’Alessandria avrà a disposizione una serie di settimane che non prevedono impegni infrasettimanali, che finora si sono rivelati molto insidiosi per non dire nefasti.

Sfruttare al meglio questa situazione potrebbe predisporre in maniera decisiva le ambizioni dei grigi...