Turna favarin (am sent nenta ad scrivli con la maiuscola...) Di nuovo favarin (non mi sento di scriverlo con la maiuscola...)

29.01.2019 11:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Giancarlo Favarin
© foto di Francesco Inzitari/ILoveGiana
Giancarlo Favarin

Quond t’al uardi, con cul mur da Musolini, u smea ‘na lënna pénna,

con ‘na gnuta coi corni da cravón...

el pea lession d’italion, da la sira a la maténna...

t’ei sicürr c’l’è ammachi in gnurantón!

E i Grigi? J’hon sgarà fina mai,

pensonda ad fèla fronca e vensi la partea

ma ‘n bel mument i rivu i guai

e t’antaij trop  tardi cu t’è amnì la diarea...

T’fai pü an temp a slarghè ‘l gombi:

t’at t’l’hai šà facia ant’el müdòndi.

A son sicürr c’uj’è cuccòša ad nov;

l’è mai pü ‘na squadra ‘d fanciuton!

Ansema a l’insalata a puduma giuntè in ov.

Poch per vòta, per nent fè andigestiòn.

Quando lo guardi, con quella faccia da Mussolini, sembra una luna piena,

con un testone con le corna di un ariete...

prende lezioni d’italiano, dalla sera alla mattina...

sei sicuro che è solamente un ignorantone!

E i Grigi? Hanno sprecato fin troppo,

pensando di farla franca e vincere la partita

ma un bel momento arrivano i guai

e ti accorgi troppo tardi che ti è venuta la diarrea...

Non fai più in tempo ad allargare le gambe:

te la sei già fatta nelle mutande.

Sono sicuro che c’è qualcosa di nuovo;

non è più una squadra di bamboccioni!

Insieme all’insalata possiamo aggiungere un uovo.

Poco per volta, per non fare indigestione.