Tén d’achënt l'archëtt... (Tieni da conto l'archetto...)

Note: vocali con accento acuto (es.: é, ó) sono chiuse: méntre, mólto; con accento grave (es.: è, ò) sono aperte: rèsta, pòsta; ü="u" francese: pü; ë="eu" francese: biciclëta; š=“s” di “rosa”
17.04.2018 10:00 di Ferruccio Reposi  articolo letto 423 volte
© foto di NewsPix/Image Sport
Tén d’achënt l'archëtt... (Tieni da conto l'archetto...)

... che la sunada l’è longa...!  Ma ist l’è in atr’afari. Il divu onca i noster vegg ma us riferiva a in ater argument che chì... l’è meij fè musca d’ niente... Però a suma mea tont distont dal cuncett. Am fass capì meij: mé mama um diva, quondi ch’ajera in fanciutén: “Tén d’achënt i sold! Sgarij nenta! Se mé o tó papà, a t’uma dacc dušent liri, té, prima ad sgareij an stüpidadi, specia in mument; magari t’na fai sü ater sent da tó nonu e ‘csé i venu taršent. Altrimenti i fon prëstu a vulè vea... E feij turna sü, el vén semper pü dificil“. Cul ch’um diva mé mama l’è capità l’ater dì col Piacensa. Capì l’aintifuna? Chi c’l’ha aussì capì...

... che la suonata è lunga...! Ma questo è un altra cosa. Lo dicevano anche i nostri vecchi ma si riferiva ad un altro argomento che qui... è meglio far finta di nulla... Però non siamo mica tanto distanti dal concetto. Mi faccio capire meglio: mia mamma mi diceva, quando ero un bambino: “Risparmia i soldi (tienili da conto)! Non sprecarli! Se io o tuo papà, ti abbiamo dato duecento lire, tu, prima di sprecarle in stupidaggini, aspetta un momento; magari ne raccogli altre cento da tuo nonno e così diventano trecento. Altrimenti fanno presto a volare via... E raccoglierle di nuovo, diventa sempre più difficile“. Ciò che mi diceva mia mamma è successo l’altro giorno con il Piacenza. Capita l’antifona? Chi ha voluto capire...