Sucietà per asión (Società per azioni)

LEGENDA: ë=pronuncia come per la “eu” francese (es.: biciclëta); é=la “e” di méla; è=la “e” di sette; ó=la “o” di sotto; ò=la “o” di bòtta; ü=pronuncia alla francese (es.: tütt); š=la “s” di rosa
12.07.2020 11:44 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Sucietà per asión (Società per azioni)

Vannucchi, Vannucchione, Vannucchini...

Ta t’ei bütà dacordi con Valentini?

Doj o trei buru ešageraj ammachi an doj partej

l’è n’afari d’asident! Um ven fenna vója ad rej...!

Us vigg che Valentini el vó fè ‘na culession

per bati tücc i record d’j’erur da ciula

e con Vannucchi fè ‘na sucietà per assión

c’la s’fa di gol... di pei... da bel e sula!

L’è propi in dermagi per chi c’u se dacc da fè

a vighi in bel travaj trasfurmà an armenta!

T’at senti tradì e t’at ciami ancur perché

el purtié u stava lé e u surtiva nenta.

Mè, is cupion, a l’ava šà alšì da ‘n po’ d’ani...

Uramai al só a memoria e um vén onši perdabón!

I brütt pensier a vurreissa propi trej an Tani,

perché a voj nenta turnè ‘ndrera ma truvè ‘na solüssión!!!

Voster Ferry, con el balón c’um gira... um gira an testa...

Um tuca spicè in’atra vòta, con vujater, per fè festa.

Vannucchi, Vannucchione, Vannucchini... / Ti sei messo d’accordo con Valentini? / Due o tre erroracci esagerati in due partite / è una cosa d’accidenti!Mi vien persino voglia di ridere...! / Si vede che Valentini vuole fare una collezione / per battere tutti i record di errori da ciula / e con Vannucchi fare una società per azioni/che si fa dei gol... delle pere... da bella e sola! / È proprio un peccato per chi si è dato da fare / vedere un bel lavoro trasformato in spazzatura! / Ti senti tradito e ti chiedi ancora perché / il portiere stava lì e non usciva. / Io, quel copione, l’avevo già letto da un po’ d’anni... / Ormai lo so a memoria e mi viene nausea davvero! / I cattivi pensieri vorrei proprio buttarli in Tanaro / perché non voglio tornare indietro ma trovare una soluzione!!!

Il vostro Ferruccio, con il pallone che mi gira...mi gira in testa... / Mi tocca aspettare un’altra volta, con Voi, per fare festa.