Stadio da B o stadio da... D?

14.11.2017 09:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Stadio da B o stadio da... D?

Ammachi doj paroli per el parteij d’l’Olbia e d’Lucca: us vigg che l’Olbia, an Piemont, la respira aria nenta tont bonna c’me cula d’ca soa e che a Lucca i son nenta ammachi bon a fè l’oli d’uliva... anveci nuj’ater a suma pü nionca bón a fè di capè…!  Per ancó, col balón, el basta acsé.

Alura... stadio da B o da D ? Stadio da “B”, l’è in stadio ch’el ven dop la serie A; stadio da “D” el pó esi in stadio ch’el ven dop la serie C o onca in stadio da dì, cioè vuš dal verbo “dire”: c’l’è da dì s’lè in stadio o in’atr’afari! A dimustrassion del fatto, aj’ho sentì, an po’ da chì e an po’ da là, ch’j’hon bütà del cadreghi coj nümer chi vòn nenta bén. Cioè, per ešempi, dop u nümer jën, j’ho bütà l’ot e via d’seguit. Au dì d’ancó uj’è pü d’la gent c’la sapa chëntè ‘me ‘na vota, fisti orbi!!! (*) Ma... nenta ammachi l’afari d’la nümerassion... I m’hon onca mustrà ‘na foto con ‘na culòna (abšó leši con la “O” slargaja... se d’no la sarreisa jënna con in cü gross c’me piasa d’Armi) setaja ansüma a del cadreghi... Chi seju nenta del cadreghi setaij ansüma an pilastro? Se c’u cambea? Niente! Se t’ei ciula, sta a ca che la vòta quenn it ciulu tè!

Av salütt.

Ferry c’us ripoša

Solamente due parole per le partite con l’Olbia e di Lucca: si vede che l’Olbia, in Piemonte, non respira aria tanto buona come quella di casa propria e che a Lucca non sono solamente capaci di fare l’olio d’oliva... invece noi non siamo più capaci nemmeno a fare i cappelli...! Per oggi, con il pallone, basta così.

Allora... stadio da B o stadio da D? Stadio da “B è uno stadio che viene dopo la serie A; stadio da D può essere una stadio che viene dopo la serie C oppure, anche uno stadio da dire, voce del verbo dire: è discutibile se sia uno stadio o un’altra cosa! A dimostrazione del fatto, ho sentito, un po’ qui e un po’ là, che hanno messo dei sedili con i numeri che non vanno bene. Cioè, per esempio, dopo il numero uno, hanno messo l’otto e così via. Al giorno d’oggi non c’è più la gente che sappia contare come una volta, accidenti!!! (*) Ma... non solo la faccenda della numerazione... Mi hanno fatto vedere una foto con una colonna (bisogna leggere con la “O” larga, altrimenti sarebbe una (donna) con un sedere grosso come piazza d’Armi) seduta sopra ai sedili... Che non  siano dei sedili seduti sopra ad un pilastro? Cosa cambierebbe? Niente! Se sei un ingenuo, rimani a casa che la prossima volta fregano te!

Vi saluto.

Ferruccio che si riposa

(*) Leggi QUI il comunicato dell'U.S. Alessandria sulla numerazione del Rettilineo