Regulament per dè u rigur (Regolamento per concedere il rigore)

Note: vocali con accento acuto (es.: é, ó) sono chiuse: méntre, mólto; con accento grave (es.: è, ò) sono aperte: rèsta, pòsta; ü="u" francese: pü; ë="eu" francese: biciclëta; š=“s” di “rosa”
13.11.2018 09:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Regulament per dè u rigur (Regolamento per concedere il rigore)

Mah, pó dessi ch’ j’abu cambià ‘l regulament..! Aj’ho alšì che l’arbitro us l’è nent sentija d’ciflè u rigur per i Grigi, dòp ammachi doj minüt ad giógh. Stè tent che uj’è ‘na regula c’la diš che us po’ dè u rigur sulament dal ventešim al quorantešim minüt ant’el prim temp e pó, per essi nent ripetitiv, dal dešdotéšim minüt au trontasinquešim du sgond temp. Asuma armaš tajà fóra da u regulament. L’arbitro el pó andessassla a piè ant’el... (al digh nenta perché al só ch’jei šà capì andonda...) sulament dònda da ment au cronometro!  Finalment ‘sta vòta aj’ho alšì del critichi chi favu bastonsa piašì; nenta la solita tiritera: “Ad stè a cà c’l’è mej...”; “Tó mama la fava da chi e la piava da là...”; “L’è pü bastard l’alenatur che in còn ancrušià con in camè...”; “El President l’ha in prugèt pü dadrera che dadnòn...”. Ancó, ajuma nenta avì cula friša ad cü c’la sarreissa servija per nenta fè in erur an po’ balurd e per avej in rigur sacrusònt. Ista l’è l’ünica rabia che t’pori aveij per la Maja Griša. Tütt u rest us po’ onca smentieli. Us dev smentiè!

Mah, può darsi che abbiano cambiato il regolamento..! Ho letto che l’arbitro non se l’è sentita di dare il rigore per i Grigi, dopo soli due minuti di gioco. State attenti che c’è una regola che dice che si può concedere il rigore solamente dal ventesimo al quarantesimo minuto del primo tempo e poi, per non essere ripetitivi, dal diciottesimo al trentacinquesimo minuto del secondo tempo. Siamo rimasti tagliati fuori dal regolamento. L’arbirtro può andarsela a prendere nel... (non lo dico perché so che avete già capito dove...) solamente dando retta al cronometro! Finalmente questa volta ho letto delle critiche che hanno fatto abbastanza piacere; non la solita tiritera: “State a casa che è meglio...”; “Tua mamma faceva di qua e prendeva di là...”; “È più bastardo l’allenatore di un cane incrociato con un cammello...”: “Il Presidente ha un progetto più di dietro che davanti...” Oggi non abbiamo avuto quel pizzico di culo che sarebbe servito per non fare un errore un po’ balordo e per avere un rigore sacrosanto. Questa è l’unica rabbia che puoi avere per la Maglia Grigia. Tutto il resto si può anche dimenticare. Si deve dimenticare !