Rampgnesi ans’in veder ansavunà (Arrampicarsi su di un vetro insaponato)

12.02.2019 08:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Rampgnesi ans’in veder ansavunà (Arrampicarsi su di un vetro insaponato)

L’è inütil stè lé a discuri. Nuj’ater tifus a suma del pel grami, però, an bel mument t’at rompi ‘l bali a cuntinuè a sperè e sufrì, sufrì e sperè... ma chi c’um la fa fè? Urramai ut ven nionca pü vóia ad vighi la partea. At cmensi a pensè aj tó afè; t’porti pü d’suens an gir el còn che, grama bestia, onca lü el po’ nenta spicè che De Luca la traga andrenta. Paco (el mé còn) um uarda con si doj ugion, us seta davšén a la porta... el cuntinua a uardemi fiss ant’j’ogg c’me dì: "Se t’stai lè a pensè ai Grigi... Portmi fora d’an ca’, t’vigherrai c’as divertuma pü tònt, mé e té ansema. Tütt el duminichi t’ei semper lé che t’at rušej j’ongi, che t’uardi la clasifica nionca la fissa miss Italia... a la tó età..! At nent vergogna? Anveci ad purtemi a fè... d’la pulitica an gir..."  Pensè c’l’è ammachi in còn, neehh! E onca s’lè ammachi in còn... l’ha po’ mea tücc i tort..!

È inutile stare lì a parlare. Noi tifosi siamo delle pelli grame, però ad un certo momento ti rompi le palle a continuare a sperare e soffrire, soffrire e sperare... ma chi me lo fa fare? Ormai non ti viene nemmeno più voglia di vedere la partita. Cominci a pensare ai tuoi affari; porti più sovente in giro il cane che, grama bestia, anche lui non può aspettare che De Luca la butti dentro. Paco (il mio cane) mi guarda con quei due occhioni, si siede vicino alla porta... continua a guardarmi fisso negli occhi come dire: “Cosa stai lì a pensare ai Grigi... Portami fuori di casa, vedrai che ci divertiamo di più, io e te insieme. Tutte le domeniche sei sempre lì che ti rosicchi le unghie, che guardi la classifica neanche fosse miss Italia... alla tua età..! Non hai vergogna? Invece di portarmi a fare... della politica in giro...”. Pensate che è solamente un cane, neeehhh!  E anche se è solo un cane... non ha poi mica tutti i torti..!