Puešia sensa virus (Poesia senza virus)

25.02.2020 12:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Puešia sensa virus (Poesia senza virus)

La šmiava ‘n’atra squadra, i curivu, i vulavu propi ‘me c’us fa con gli ali.

j’ho facc pochi erur, doj dì prima i na favu ‘na brenta.

I son stacc tücc bón, ‘me l’ bignóli ad Pasquali

e Martignago, ‘me ‘n fuén, u l’ha tracia andrenta.

Prima la squadra del Pontedera

l’era, an clasifica, pü d’adnòn

adess ai suma tacà dadrera.

Cuntinuuma acsé, per lassej pü luntòn.

I difensur i sarròn mea stacc ‘me Bonucci

però j’hon facc in bel travaj, j’hon bindà la porta,

dònda da ment al mister Gregucci.

Speruma adess ch’el virus d’la corona

um fassa nenta in brüt schers

da fè cruj’è tücc, bej e pers

o setà ansüma a ‘na pultrona.

Sembrava un’altra squadra, correvano, volavano proprio come si fa con le ali. / Hanno fatto pochi errori, due giorni prima ne facevano una brenta (50 litri n.d.r.). / Sono stati tutti buoni (bravi), come le bignole di Pasquali / e Martignago, come un furetto, l’ha buttata dentro. / Prima la squadra del Pontedera / era, in classifica, più avanti, / adesso le siamo attaccati dietro ./ Continuiamo così, per lasciarli più lontano. / I difensori non saranno stati come Bonucci / però hanno fatto un bel lavoro, hanno blindato la porta, / dando retta a mister Gregucci. / Speriamo ora che il virus della corona / non ci faccia un brutto scherzo / da far coricare tutti, belli e persi / o seduti sopra ad una poltrona.

Voster Ferry