Puešia d’in anrabià (Poesia di un arrabbiato)

11.02.2020 10:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Puešia d’in anrabià          (Poesia di un arrabbiato)

L’è passà dadnòn fina l’Albinoleffe

Paregionda con la Juve 23

Sensa avej facc gol a bišeffe!

Uarda ‘n po’ ’l Siena andó c’a l’è!

Au sgond gol del Giana, me car fió,

aj’ho sarà baraca e büraten sgagià

us po’ nenta vighi au dì d’ancó

di giugadur d’balon coi pé sgarà!

El purtè lè surtì da la só porta

Per ancuntrè la só muruša

Piònda forse ‘na bela storta

L’ha facc ‘na séna an po’ cüriuša.

Sbagliè semper di pasagi tirònda stort

Trònda ‘l balon an meš al ciuendi

Al tifus c’l’è sagrinà, ‘me t’fai a dej tort

S’el dis che t’grati, u tó stipendi?

È passato davanti persino l’Albinoleffe/pareggiando con la Juve 23/senza aver fatto gol a bizzeffe!/Guarda un po’ il Siena dov’è!

Al secondo gol della Giana, mio caro ragazzo/ho chiuso baracca e burattini in fretta/non si può vedere al giorno d’oggi/giocatori di pallone con i piedi sprecati!

Il portiere è uscito dalla sua porta/per incontare la sua morosa/prendendo forse una bella storta/ha fatto una scena un po’ curiosa.

Sbagliare sempre dei passaggi tirando storto/buttando il pallone in mezzo alle siepi/al tifoso che è arrabbiato, come fai a dargli torto/se ti dice che rubi il tuo stipendio?