Mea culpa... mea culpa (non si può tradurre... è in latino...)

04.02.2020 09:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Gregucci e Di Masi
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Gregucci e Di Masi

Mea culpa, el vó dì du ròbi: sensa e “mia”

E la culpa ad chi c’a l’è se duminica la partea

L’è stacia brüta, sensa gramatica, né antologia?

Pü t’la uardavi e pü t’amniva ma’ la pònsa e cefalea..!

"La culpa l’è ammachi ad Scasóla,

C’l’aussì fè el trei, sing, doj, pü l’ purtié, 

Sensa mai andè in dì a scóla,

a fè girè ‘l balëti  al palutulié!"

Acsè i tifus i criavu a tütt andè

Per vighi se Di Masi l’ha l’intensión

D’andè an serie B, ‘na vòta per dabón

E teni la squadra ancura an pé.

E adess is gram Gregucci? Per el braij i l’hon brancà

Per cambiè ai giugadur la testa e i pé

E cüntè fina a undés per nent perdij per la strà

E uardè anòn per nenta turnè ‘ndré.

Mea culpa significa due cose: senza e mia / e la colpa di chi è se domenica la partita / è stata brutta, senza grammatica, né antologia? / Più la guardavi e più ti veniva mal di pancia e cefalea..! / “La colpa è solo di Scazzola, / che ha voluto fare il tre, cinque, due più il portiere / senza mai andare un giorno a scuola, / a far girare le palline del pallottoliere!” / Così gridavano i tifosi a tutt’andare / per vedere se Di Masi ha l’intenzione / d’andare in serie B, una volta per davvero / e tenere la squadra ancora in piedi. / E adesso quel povero Gregucci? / L’hanno afferrato per le brache / per cambiare ai giocatori la testa e i piedi / e contare fino a undici per non perderli per strada / e guardare avanti per non tornare indietro.

Forsa Ferry, forsa Grigi,

da Lisondria a Stupinigi.