L’è pü Sestu, l’è… primu… (Non è più Sestu… È primo…)

 di Ferruccio Reposi  articolo letto 231 volte
© foto di Luca Marchesini/TuttoLegaPro.com
L’è pü Sestu, l’è… primu… (Non è più Sestu… È primo…)

Me pari um diva che in giugadur, per essi propi brav, el dev prevedi andò ch’l’andrà a finì el balón! Pusibilment prima ch’us n’antaja l’aversari... se d’no l’è inütil. Difati la bala l’ha picà ant’el pa’ e lü u s’è šgagià a rivè per trèla an porta. Perché Sestu, ans’el còmp, el va nenta a fè ‘l turista... l’è nenta an ferij...

Però Barlocco s’l’eissa avì la pusibilità ad fè in tir an pü, mé a digh che l’avreissa facc gol onca lü. El prim l’è andacc fóra ad poch, con u sgond  l’ha pià ‘l pa’ e col ters l’avreissa facc gol. E ista l’è statitisca! Fanciott, i son ventidoij parteij c’a perduma nenta; milanuvsentutonta minütt!

Salvo recupero.

Mio padre mi diceva che un giocatore, per essere proprio bravo, deve prevedere dove andrà a finire il pallone! Possibilmente prima che se ne accorga l’avversario... altrimenti è inutile. Infatti la palla ha picchiato sul palo e lui si è sbrigato ad arrivare per buttarla in porta. Perché Sestu, sul campo, non va a fare il turista... non è in ferie...

Però Barlocco se avesse avuto la possibilità di fare un tiro in più, io dico che avrebbe fatto gol anche lui. Il primo è andato fuori di poco, con il secondo ha preso il palo e con il terzo avrebbe fatto gol. E questa è statistica ! Ragazzi,sono ventidue partite che non perdiamo, millenovecetottanta minuti !

Salvo recupero.