In bel stè citu... (Un bel tacer...)

02.04.2019 13:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
In bel stè citu... (Un bel tacer...)

... l’è stacc mai scricc”. I dišu c’l’ava dicc jën c’l’andava an gir con  del fóij d’alloro an testa, ‘na vesta longa culuraja ad russ, ‘na piüma d’oca an mòn perché uj piašiva scrivi del robi per i stüdent e che dop u s’è bütì a fè l’óli d’uliva... Auriva dì che dop del batosti c’me cula d’l’atra sira, l’è mej fè l’indiòn... “Aj’ho nent sentì, aj’ho nent vist, aj’ho nent parlà...” In afari sul a voj dì: la squadra del Piasensa, prima d’la partea, l’ava “ammachi” ventitrei poncc an pü, an clasifica. L’è nenta per scondsi drera el mignolo, però... Staruma da vighi con la Pro. A diggh pü niente. Ciao.

... non fu mai scritto”. Dicono che l’abbia detto uno che andava in giro con le foglie d’alloro in testa, un vestito lungo colorato di rosso, una penna d’oca in mano perché gli piaceva scrivere cose per gli studenti e che dopo si è messo a fare l’olio d’oliva... Volevo dire che dopo batoste come quella dell’altra sera, è meglio fare lo gnorri... “Non ho sentito, non ho visto, non ho parlato...” Una cosa sola voglio dire: la squadra del Piacenza, prima della partita, aveva “solamente” ventitre punti in più in classifica. Non è per nascondersi dietro al mignolo, però... Staremo a vedere con la Pro. Non dico più nulla. Ciao.