Giorgio Tinazzi e... harakiri

28.01.2020 08:37 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Altare ed Eusepi
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Altare ed Eusepi

Us ciama Giorgio onca lü ma ad cugnom el fa Altare, nenta Tinazzi. Tinazzi, per chi c’u sa nenta e per chi c’us ricorda pü, l’era cul giugadur c’l’ava facc el prim gol du sparegi col Brescia a San Siro, ant u sinquontaset, per andè an serie A (e ai suma andacc...). L’ava la carateristica ad giresi acsé sgagià, avenda la porta drera al spali, che l’aversari l’armaniva ad gëss e ‘l pü tònt vòti, el balon l’entrava an porta ! Giorgio Altare l’ha facc medešim, u gióga ant l’Olbia e duminica la signà u sgond gol ai Grigi: la sgonda curtlà. La tersa, cl’ha paregià la partea, l’è stacc el suicidio d’la storia. Storia per l’Olbia c’l’ha vensì ammachi du voti, l’ha facc ventiquater gol an tütt e trej, ant ina vòta sula, ancontra i Grigi! Pü che karakiri l’è mej ‘na revulverà ... t’senti menu dulur!

Si chiama Giorgio anch’egli ma di cognome fa Altare, non Tinazzi. Tinazzi, per chi non lo sa e per chi non ricorda più, era quel giocatore che aveva fatto il primo gol dello spareggio con il Brescia a San Siro, nel cinquatasette, per andare in serie A (e ci siamo andati...). Aveva la caratteristica di girarsi così in fretta, avendo la porta alle spalle, che l’avversario rimaneva di gesso e la maggior parte delle volte, il pallone entrava in porta! Giorgio Altare ha fatto la stessa cosa, gioca nell’Olbia e domenica ha segnato il secondo gol ai Grigi: la seconda coltellata. La terza, che ha pareggiato la partita, è stato il suicidio della storia. Storia per l’Olbia che ha vinto solamente due volte, ha fatto ventiquattro gol in tutto di cui tre, in una sola volta, contro i Grigi! Più che un harakiri è meglio una revolverata: senti meno dolore!