Dumilavént! (Duemilaventi!)

01.01.2020 12:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Dumilavént! (Duemilaventi!)

Per l’ani nov, aurissa vighi, per i Grigi, cul c’ajuma nent vist d’an bel po’ d’ani. Toncc ani. Tònti, tropi! Pasiensa! Uarduma anòn e speruma. Uardè andrera, ant’el balón, el pü del vòti, ut vén ammachi mà ‘l cò. Ut po’ amnì el cò bel a reid. Mej uardè la gent ant’j’ogg, nenta ant’el cupët o uardej u dadrera. Mé aurissa essi o dventè ‘me cuj quater giuvnòt ant’la foto, chi slargu in lansó con u nom ad Cisley, per ricurdeli. Issa l’è vera amicissia, ‘me cula d’na vòta, quondi c’us pudiva ammachi telefunè con cul’afari nejer, tacà a la müraja. Adess el telefunén us bugia da bel e sul ant’na sacocia, quondi ch’it ciamu. S’l’eisa mai facc stònda tacà la müraja, uj sarreissa amnì šü la ca’ ! Dai, stuma tücc ansema, uardumsi ant’j’ogg, onca s’ajuma an po’ d’acqua amara andrenta e anduma a criè: “ Forsa Grigi “.

Bon ani, Befana e... n’ugiadenna al mercà... U s’an sa mai...

Al prim dì d’l’ani l’è ‘l mé cumpleani... Pasiensa... Piev ben ben uardia ad fèm j’augüri, che s’ad no um ven an ment la caterva d’ani c’aj’ho ans’el gòb.

Av salüta e uv ringrassia el voster Ferry.

Per l’anno nuovo, vorrei vedere, per i Grigi, ciò che non abbiamo visto da parecchi anni. Tanti anni. Tanti, troppi ! Pazienza ! Guardiamo avanti e speriamo. Guardare dietro, nel calcio, la maggior parte delle volte, ti viene solo male al collo. Ti potrebbe venire il collo rigido. Meglio guardare la gente negli occhi, non nel “coppetto” (il retro del collo, n.d.r.) o guardargli il “di dietro”. Io vorrei essere o diventare come quei quattro giovanotti nella foto, che allargano un lenzuolo con il nome di Cisley, per ricordarlo. Quella è vera amicizia, come quella di una volta, quando si poteva telefonare solo con quell’aggeggio nero, attaccato al muro. Adesso il telefonino si muove da solo in una tasca, quando ti chiamano. L’avesse mai fatto stando attaccato al muro, sarebbe venuta giù la casa ! Dai, stiamo tutti insieme, guardiamoci negli occhi, anche se abbiamo un po’ di lacrime amare dentro e andiamo a gridare: “ Forza Grigi “. 

Buon anno, buona Befana e... un’occhiatina al mercato... Non si sa mai...

Il primo giorno dell’anno è il mio compleanno... Pazienza... Prendetevi ben, ben guardia dal farmi gli auguri, altrimenti mi viene in mente la caterva di anni che ho sulla gobba.

Vi saluta e vi ringrazia il vostro Ferry.