Da Castrense a... castraja (Da Castrense a... castrata)

13.04.2018 09:00 di Ferruccio Reposi  articolo letto 179 volte
Da Castrense a... castraja (Da Castrense a... castrata)

Cucdën l’ha dicc che Marconi l’è in sapatón... Cucdën... nenta mé medešim, neh!  U sarreissa ‘me dì “La tera ai cuntadén” e alura u ragiunament el fa nionca ‘na piega: la tèra, pü che in cuntadén, chi t’vòri cu la sapa? E propi per manteni la tradission, Marconi l’è andacc a sapè ant’la porta d’la Viterbese e la Viterbese l’è amnija da Castrense a Castraja... Uj’è nionca da fè ‘na piega. A s’avguma la prosima.

Qualcuno ha detto che Marconi è uno zappatore (grossolano)... Qualcuno... non io neh! Sarebbe come dire “La terra ai contadini” e allora il ragionamento non fa una piega: la terra più che un contadino, chi vuoi che la zappi? E proprio per mantenere la tradizione, Marconi è andato a zappare nella porta della Viterbese e la Viterbese è diventata da Castrense a Castrata... Non c’è da fare nemmeno uno piega. Ci vediamo alla prossima.