Da Castrense a... castraja (Da Castrense a... castrata)

 di Ferruccio Reposi  articolo letto 170 volte
Da Castrense a... castraja (Da Castrense a... castrata)

Cucdën l’ha dicc che Marconi l’è in sapatón... Cucdën... nenta mé medešim, neh!  U sarreissa ‘me dì “La tera ai cuntadén” e alura u ragiunament el fa nionca ‘na piega: la tèra, pü che in cuntadén, chi t’vòri cu la sapa? E propi per manteni la tradission, Marconi l’è andacc a sapè ant’la porta d’la Viterbese e la Viterbese l’è amnija da Castrense a Castraja... Uj’è nionca da fè ‘na piega. A s’avguma la prosima.

Qualcuno ha detto che Marconi è uno zappatore (grossolano)... Qualcuno... non io neh! Sarebbe come dire “La terra ai contadini” e allora il ragionamento non fa una piega: la terra più che un contadino, chi vuoi che la zappi? E proprio per mantenere la tradizione, Marconi è andato a zappare nella porta della Viterbese e la Viterbese è diventata da Castrense a Castrata... Non c’è da fare nemmeno uno piega. Ci vediamo alla prossima.