Cuntentumsi... tònt... (Accontentiamoci... tanto...)

19.03.2019 09:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Cuntentumsi... tònt... (Accontentiamoci... tanto...)

Me mari, tònt temp fa, um diva: "El poc us chënta! L’è ‘l niente ch’use pó nent chintè". L’è tònt ‘me ch’us diš adess: "Pütost che niente... l’è mej pütost..!". Certo che cula bala um smiava, nenta ammachi a mé, pü ‘ndrenta che d’fóra; ‘na mòn da chì, in pé da là, ‘na testa anuissa, in’atra plataja e con in arbitro c’l’era andacc in mument a ciamè au segnalinee andonda c’l’era in bancomat! L’Entella, a l’ava šà dicc l’atra vota, l’è da B e, cunsideronda tücc i pastiss chi són amnì fóra con la Lega prima del campiunà, in ogg ad riguard... magara... us capiss... U rigur? Ist us capiss nenta..! Però... a vót che ‘na cesia qualunque, la fassa la limošna au Dom?!?

Mia madre, tanto tempo fa, mi diceva: "Il poco si conta ! È il niente che non si può contare". Tanto come si usa dire adesso: "Piuttosto che niente... è meglio piuttosto..!". Certo che quella palla sembrava, non solo a me, più dentro che fuori; una mano di qui, un piede di là, una testa appuntita, un’altra pelata e con l’arbitro che era andato un momento a domandare al segnalinee dove fosse ubicato un bancomat! L’Entella, l’avevo già detto l’altra volta, è da B e, considerando tutti i pasticci che sono venuti fuori con la Lega prima del campionato, un occhio di riguardo... magari... si capisce... Il rigore? Quello non si capisce! Però... vuoi che una chiesa qualunque faccia elemosina al Duomo?!?