Cuntent medešim (Contenti ugualmente)

15.05.2019 09:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Cuntent medešim (Contenti ugualmente)

Ajuma pudì sugnè ‘na vòta an pü. L’è custà niente e t’hai drumì pü vulentera, con ‘na sperònsa, anveci che con u solit sagrén. L’è divers dal magon che t’hai adess. Adess t’la vighi antin’atra manera. Adess l’è finija con in: “Va beh...al savu šà” (onca se t’savi in bel niente e t’cuntinuavi a sperè), anveci che con u solit sòng anvilinà e rüšiònda con cul e cul’ater. Adess t’salüti tücc con in: “Arvëdsi ad agust. Grassie medešim fanciott!”.

A prupošit... ARVËDSI AD AGUST!!!

Abbiamo potuto sognare una volta in più. Non è costato nulla e hai dormito più volentieri, con una speranza, anziché con il solito rammarico. È diverso dalla tristezza che hai adesso. Adesso la vedi in un’altra maniera. Adesso è finita con un: “Va beh... lo sapevamo già” (anche se non sapevi proprio nulla e continuavi a sperare), anziché con il solito sangue avvelenato e litigando con questo e quell’altro. Adesso saluti tutti con un: “Arrivederci ad agosto. Grazie lo stesso ragazzi!”

A proposito... ARRIVEDERCI AD AGOSTO!!!