Belfagor (non serve tradurre...)

26.12.2018 08:30 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
Belfagor (non serve tradurre...)

La vitoria per nujater l’è c’me ‘l fantasma del Louvre. Però Belfagor, d’ógni tònt, us fava vighi e tücc javu poura. Da noi el fa nionca poura! Ancó (duminica) la squadra l’ha regalà ai só tifus meš panatón e per gionta, grassie aj’erur d’jater! Meno male c’a suma nenta ammachi noi a sbalié. J'hon scricc che ‘l Pontedera l’ha facc el gol diretament dal corner. Mé a dig ch’j’hon vist in’atra partea... Va beh... meš panaton... l’ater meš u san sa nenta; l’avra mangià cuchdën a tradiment. Cinghia! Stuma ‘ncura a dieta. A Sòn Stevu uj sarrà l’Abisola, a Chiavari. Speruma c’u sea nenta c’me cula vegia storia: “Mé a ven nenta da Savonna per ansavunevi, né da Lecco per barlichevi, nè da Lodi per ludevi, nè da Piacensa per piasivi. Ma a ven diretament da Chiavari per...“.

Augüri a tücc !

La vittoria per noi è come il fantasma del Louvre. Però Belfagor, ogni tanto, si faceva vedere e tutti ne avevano paura. Da noi non fa nemmeno paura! Oggi (domenica, n.d.r.) la squadra ha regalato ai suoi tifosi mezzo panettone e per giunta, grazie agli errori degli altri! Meno male che non siamo solo noi a sbagliare. Hanno scritto che il Pontedera ha segnato direttamente su corner. Io dico che hanno visto un’altra partita... Va beh... mezzo panettone, l’altro mezzo non si sa; l’avrà mangiato qualcuno a tradimento. Cinghia! Stiamo ancora a dieta. A Santo Stefano ci sarà l’Albisola (per la doppia “esse” si distingue, forse, tra Albissola Marina e Albisola Superiore, n.d.r.), a Chiavari. Speriamo che non sia come quella vecchia storia: “Io non vengo da Savona per insaponarvi, né da Lecco per leccarvi, né da Lodi per lodarvi, né da Piacenza per piacervi. Ma vengo direttamente da Chiavari per ...”.

Auguri a tutti!