AUGÜRI! (AUGURI!)

26.12.2017 09:00 di Ferruccio Reposi   Vedi letture
AUGÜRI! (AUGURI!)

A tücc i letur d’ GrigiOnLine, i mé pü car augüri per el festi pü beli ch’us possa imaginé!!! Stavota aurisa parlè ammachi d’Marconi e d’Gonzalez. Marconi l’ha pià ‘l balon per tirè u rigur e l’ha pensà, tont ch’u spiciava che l’arbitro u cifleisa: “Se ch’um n’an fa ad fè la fenta, fè ‘l cügiar, fè ‘l curté... A tir ‘na canà ch’el purtié us n’antaja nionca”. L’è andacia finì che is gram purtié uj ciama ancura adess a l’abitro, quondi che Marconi u tira u rigur. Adess la cronaca:

1. Gonzalez us prepara per tirè la punision da quatarsent meter d’distonsa;

2. prima ad parti per tirè, us vòta a dè in ugiada a Marculén;

3. Marculén uj mustra con el mòn, u nümer nov. L’è la pagina del manual del punision con la svirgula;

4. Pablo ul sa a memoria se ch’uj’è a pagina nov e, prima ad piè la rincursa, us dà n’avidadenna al pé;

5. El pa’ d’la porta u sa sposta per nent fè pasè el balón, el purtié us büta ‘na prulonga al bras. Uj’è nent da fè ma propi niente: l’è gol. Marculén el büta an sacocia el manual e Gonzalez us büta a post el bülon del pé!

J’augüri a poss pü fej!  I son tücc an fond d’la porta aversaria...!

 

A tutti i lettori di GrigiOnLine.com, i miei più cari auguri per le feste più belle che si possano immaginare!!! Questa volta vorrei parlare soltanto di Marconi e Gonzalez. Marconi ha preso il pallone per tirare il rigore ed ha pensato, intanto che aspettava che l’arbitro fischiasse: “Cosa me ne importa di fare la finta, fare il cucchiaio, fare il coltello... Tiro una cannonata e il portiere non se ne accorge nemmeno”. È andata a finire che quel povero portiere sta chiedendo ancora adesso all’arbitro, quando Marconi tirerà il rigore. Adesso la cronaca:

1. Gonzalez si prepara per tirare la punizione da quattrocento metri di distanza;

2. Prima di partire per tirare, si volta per dare un’occhiata a Marcolini;

3. Marcolini gli fa vedere con le mani, il numero nove. È la pagina del manuale delle punizioni con l’effetto;

4. Pablo sa a memoria cosa c’è a pagina nove e, prima di prendere la rincorsa, si dà un’avvitatina al piede;

5. Il palo della porta si sposta per non far passare il pallone, il portiere si mette una prolunga al braccio. Non c’è nulla da fare ma proprio niente: è gol. Marcolini rimette in tasca il manuale e Gonzalez si rimette a posto il bullone del piede!

Non posso più fare gli auguri! Sono tutti in fondo alla porta avversaria...!