Alessandria Calcio, due cessioni sicure e una in forse da qui al 2 settembre

25.08.2019 09:30 di Federico Capra Twitter:    Vedi letture
© foto di Paolo Baratto/Grigionline.com
Alessandria Calcio, due cessioni sicure e una in forse da qui al 2 settembre

Dietro l'ufficialità dei numeri di maglia della rosa dell'Alessandria per la stagione 2019/20 ci sono importanti indizi per il mercato (leggi anche: UFFICIALE: i numeri di maglia dell'Alessandria Calcio per la stagione 2019/20). Sia in entrata che in uscita. Mister Scazzola ha confermato che entro il 2 settembre, data di chiusura ufficiale delle trattative, arriveranno altri tre calciatori per completare la rosa. Un difensore - quasi certamente Alcibiade - e un centrocampista d'esperienza e un esterno giovane individuato in Gilli del Torino. Tre posti in squadra che attualmente sono occupati da tre ragazzi del settore giovanile: il portiere Marietta, il difensore Ponzio e l'esterno offensivo Filip.

Gli indizi maggiori sono però quelli consegnati al mercato in uscita. Nell'elenco dei numeri di maglia non figurano i nomi di Panizzi e Agostinone. Per loro la cessione è praticamente solo più una formalità e in caso di mancanza di acquirenti si potrebbe prospettare una rescissione contrattuale in stile Coralli (leggi anche: UFFICIALE: rescissione contrattuale per Claudio Coralli). Nell'elenco c'è invece il nome di Sciacca che ha preso la maglia numero 3 e con ogni probabilità resterà in grigio almeno sino al mercato di gennaio quando si tireranno le somme sulla prima parte di stagione. Il terzo nome in uscita potrebbe essere quello di Akammadu che ha scelto la maglia numero 7. 

E se il Messina, dove già è andato Fissore, sembra non soltanto un'ipotesi, tutto dipenderà dal modulo adottato da mister Scazzola nel corso del campionato. Nel caso venisse consacrato il duo d'attacco, Akammadu potrebbe restare in grigio come unica alternativa d'esperienza nel caso di infortunio dei titolarissimi - almeno sulla carta - Eusepi e Arrighini.

Non abbiamo citato Talamo e Rocco sulla cui permanenza in grigio era già calato il de profundis.